PsicologiaDinamica.it
Psicologia Clinica e Psicoterapia
APPLICAZIONI E RICERCHE

La psicoanalisi è una disciplina che si occupa delle persone, della vita psicologica e delle relazioni umane.
Nasce dal lavoro teorico e clinico di Sigmund Freud e dei suoi collaboratori con i loro pazienti. Si sviluppa fino ai giorni nostri in molte parti del mondo ma principalmente in Europa e nelle Americhe. Comunemente ci si riferisce alla psicoanalisi come alla psicoterapia inventata da Freud ma la psicoanalisi è anche un complesso di teorie sulla mente e sul suo sviluppo, sano o psicopatologico. Una teoria che deriva sopratutto dall'esperienza clinica di molti psicoanalisti sul processo di cura dei loro pazienti. Una teoria generale dello sviluppo psichico che deriva principalmente da osservazioni indipendenti sui modelli di sviluppo etologico e antropologico oltre che infantile.
In oltre cento anni della sua storia la psicoanalisi ha assunto diverse forme perciò alcuni studiosi preferiscono dire che oggi ci sono molte Psicoanalisi differenti.
La Psicoanalisi è comunque una teoria del profondo orientata alla comprensione delle dinamiche interne e relazionali dell'essere umano. Le diverse scuole psicoanalitiche danno un diverso peso ad aspetti che vengono considerati in prevalenza. La Psicoterapia Psicoanalitica è un metodo di cura dei disturbi psicologici basato su questo complesso di conoscenze.
Il Setting Psicoanalitico è il contesto in cui avviene la cura psicoanalitica, è l'insieme delle condizioni, sopratutto psicologiche, che consentono lo sviluppo della relazione psicoanalitica.
L'analista costruisce nel tempo insieme al paziente un ambiente mentale che promuove l'espressione e la rielaborazione della propria soggettività attraverso l'analisi del dialogo psicoanalitico.
La relazione con l'analista è impostata in modo che il paziente possa portare il proprio modo inconscio di intendere la vita e le relazioni e, in questo modo, ripetere molte volte e in diversi modi le proprie difficoltà nell'esperienza con l'analista arrivando a modificarla.
Il coinvolgimento dell'analista nella relazione analitica aiuta il paziente a conoscere un diverso modo di stare con le proprie e le altrui emozioni, i sentimenti, i pensieri, i valori e i modi d'essere.
La psicoanalisi è una prospettiva che consente lo studio dello sviluppo del bambino, della vita adulta, delle famiglie e dei gruppi sociali allo scopo di progettare degli interventi adattati caso per caso. La psicoanalisi come cura della sofferenza psicologica è indirizzata superamento di blocchi evolutivi, all'elaborazione di traumi psichici e dei modi di esperire la propria coscienza che spesso si collocano alla base di molti sintomi d'ansia, psicosomatici e del pensiero, nonchè di comportamenti relazionali problematici.

La Psicoanalsi Relazionale si sviluppa negli Stati Uniti verso l'inizio degli anni '80 del secolo scorso. E' l'evoluzione principale nel panaroma scientifco psicoanalitico, ma ne rappresenta una riforma radicale dal punto di vista teorico e sopratutto clinico. Gli psicoanalisti relazionali perciò si riferiscono a teorie, ricerche e autori molto diversi da quelli classici e lavorano in modo molto differente con i loro pazienti se confrontati con gli psicoanalisti classici.
Quello della Psicoanalisi Relazionale è un movimento che nasce dalla convergenza tra la Psicoanalisi Interpersonale di New York, gli Psicologi del Sé e della Prospettiva Intersoggettiva e si fonde con l'Infant Reaseach di Boston. La Psicoanalisi Relazionale inoltre, costruisce e promuove un dialogo con le neuroscienze e le scienze cognitive, alcuni di questi approcci gradualmente si orientano in senso relazionale, convergendo.
L'incontro tra queste nuove idee ha generato un mutamento di paradigma in psicoanalisi, orientato in senso post-moderno, feonomenologico, costruttivista e sistemico. Questa "nuova psicoanalisi" sta diventando rapidamente una fabbrica di ipotesi e nuovi stimoli che rappresentano sempre di più un riferimento per tutte le scienze della mente, anche se spesso queste, specialmente in Italia, non riconoscono in modo esplicito il loro debito. Un limite di questo paradigma è attualmente rappresentato dalla scarsa diffusione in ambito accademico, salvo il lavoro di alcuni pionieri impegnati sul terreno del confronto internazionale.
A partire dagli anni '90 il movimento relazionale si è affermato nel mondo e in Italia, dove però rimane una corrente minoritaria. Nonostante il nostro paese sia tra i più recettivi le istituzioni accademiche e scientifiche hanno assunto atteggimenti contraddittori, riconoscendo da un lato l'importanza del movimento e il valore delle sue idee, ma senza accogliere fino in fondo i cambiamenti che ne derivano nella pratica. Ciononostante la Psicoanalisi Relazionale oggi rappresenta un'approccio terapeutico moderno e coerente sulla costruzione e la cura della sofferenza mentale attraverso l'esperienza analitica. Inoltre, la prospettiva relazionale offre un terreno di incontro per professionisti di diverso orientamento psicoterapeutico.






PsicologiaDinamica.it
Le informazioni che cercavi, qualcuno con cui parlarne.